Carmelo Floris

document

autore: Scano Maria Grazia, Naitza Salvatore

Monografia dedicata a uno dei protagonisti della cultura isolana del primo Novecento. Dagli studi Ginnasiali a Nuoro alla frequenza dell'Accademia di Belle Arti di Roma, ai suoi rapporti di amicizia con gli artisti del tempo: Melkiorre Melis, Mario Mossa de Murtas, Giuseppe Biasi. La pittura di Floris costituisce una visione intima della Sardegna, una incarnazione dei suoi antichi valori umani, della sua religiosità popolare profondamente radicata, la fedele rappresentazione della schiettezza di un popolo, attraverso il suo stesso linguaggio, semplice e chiaro. La sua produzione fissa un'immagine dell'Isola meno intellettualistica e più realistica, caratterizzata da una potente espressività arcaica.

collezione: Le grandi monografie di Ilisso

Visualizzazioni: 2961

Bando di acquisizione: Sardegna Biblioteche

Editore: Ilisso Edizioni

Note: Volume di 200 pagine, formato 32 x 24, 306 illustrazioni a colori e 62 in bianconero. La stampa è stata effettuata con un retino a 90 linee in quadricromia su carta patinata. Apparato testuale e didascalie facilitano la consultazione del volume e rispondono alla vocazione scientifica della risorsa. Apparati: nota biografica, itinerario espositivo, bibliografia.

Lingua: italiano

Coordinamento editoriale: Congiu Sebastiano

Tipologia: monografie - saggi

Introduzione/Prefazione: Naitza Salvatore

Nome file: 002---carmelo_floris.pdf

Materiali fotografici: Archivio Ilisso, Industrial Foto di Firenze, Moroni Luigi, Pinna Pietro Paolo, Tore Donatello

Coordinamento collana: Congiu Sebastiano

Strumenti digitalizzazione: mmt (da verificare)

Collana: I maestri dell'arte sarda

Luogo di pubblicazione: Nuoro

ISBN: 88-85098-21-5

Argomenti