Vai al contenuto della pagina

home

Logo Regione Sardegna

Le Royaume de Sardaigne

Titolo: Le Royaume de Sardaigne
Autore dell'opera: Santini P.
Luogo di pubblicazione: Venezia
Progetto di digitalizzazione: SICPAC wp3.9 - Digitalizzazione di risorse documentali di pregio
Agenzia di digitalizzazione: Atlantis, Enterprise Digital Architects, Space, Unicity
Argomento: Cartografia
Proprietario della risorsa: Consiglio Regionale della Sardegna
Locazione della risorsa: Cagliari
Didascalia: Le Royaume / de / Sardaigne / Dressé / Sur les Cartes manuscrites / Levées dans le Pays par / les Ingéniéurs Piemontois. /A' Venise / Par P. Santini 1779. / chez M. Remondini
Descrizione: Nord in alto; dimensioni h x b foglio mm 744 x 531, incisione mm 697 x 474, disegno mm 690 x 466; Echelle Milles d'Italie de 60 au Dégré.
La carta edita dell'editore veneziano P. Santini (1700 ca.-1784) è la prima delle numerose rielaborazioni della carta "degli ingegneri piemontesi" pubblicata nell'Atlas général del Le Rouge nel 1753. Essa era inserita nell'Atlas Universel, inciso presso Remondini nel 1784, dove compariva alla tavola 26 del secondo tomo . L'opera era stata infatti pubblicata a Venezia in due parti (la prima era del 1776) e conteneva carte datate tra il 1776 e il 1784.
Nell'angolo in alto a sinistra è riportato un testo di poche righe sulla storia della Sardegna, nel quale si ricorda soprattutto l'avvicendarsi dei vari dominatori. Brevi didascalie sono anche all'interno del disegno, come la scritta in lingua francese "popoli conquistati che non pagano le tasse", posta in prossimità delle montagne della Nurra.
Sono inoltre segnalati sulla carta per mezzo di una piccola spada tre campi di battaglia, accompagnati dalla data degli scontri, particolare che verrà ripreso pochi anni dopo nelle carte di von Reilly
Note: Le carte sono state esposte nella mostra organizzata e allestita nel 1994 dal Consiglio Regionale ed edite nel catalogo "Imago Sardiniæ : cartografia storica di un'isola mediterranea", Cagliari, Consiglio regionale della Sardegna, 1999. Le schede sono tratte da: La collezione del Consiglio regionale: catalogo, di Sebastiana Nocco.