Vai al contenuto della pagina

home

Logo Regione Sardegna

Des Koenigreichs Sardinien Sudlicher theil

Titolo: Des Koenigreichs Sardinien Sudlicher theil
Autore dell'opera: Von Reilly Franz Johann Joseph
Luogo di pubblicazione: Vienna
Progetto di digitalizzazione: SICPAC wp3.9 - Digitalizzazione di risorse documentali di pregio
Agenzia di digitalizzazione: Atlantis, Enterprise Digital Architects, Space, Unicity
Argomento: Cartografia
Proprietario della risorsa: Consiglio Regionale della Sardegna
Locazione della risorsa: Cagliari
Didascalia: Des / Koenigreichs / Sardinien / Sudlicher theil. / Nro. 478.
Descrizione: Nord in alto; dimensioni h x b foglio mm 245 R x 272 R, incisione mm 233 x 272 R, disegno mm 225 x 251; Deutsche Meilen 15 auf einen Grad; Gemeine Italianische Meilen 60 auf einen Grad.
La Sardegna si trova inserita in un piccolo riquadro in alto sulla destra. La carta comprende infatti gli stati del re di Sardegna e, come spesso accade in altre carte di quest'epoca, vi sono rappresentati gli stati di terraferma appartenenti ai Savoia con la Sardegna collocata in un disegno a parte. In basso a destra, in un altro riquadro è inserita Oneglia, dotata, come la Sardegna, di una scala propria. Le misure del foglio e il materiale cartaceo utilizzato in questa tavola sono diversi da quelli utilizzati nelle altre tre tavole contenenti la Sardegna. In quest'ultima infatti, a differenza delle precedenti, è visibile anche la filigrana, che mostra la sigla AM scritta con lettere maiuscole. Anche il cartiglio è diverso dalle altre tre precedenti, mentre è del tutto simile al gruppo di carte che raffigurano il Piemonte e le regioni limitrofe, come per esempio la tavola 481 che contiene i territori di Biella e Ivrea. Potrebbe pertanto trattarsi semplicemente di un diverso volume dell'opera.
Note: Le carte sono state esposte nella mostra organizzata e allestita nel 1994 dal Consiglio Regionale ed edite nel catalogo "Imago Sardiniæ : cartografia storica di un'isola mediterranea", Cagliari, Consiglio regionale della Sardegna, 1999. Le schede sono tratte da: La collezione del Consiglio regionale: catalogo, di Sebastiana Nocco.