Vai al contenuto della pagina

home

Logo Regione Sardegna

Lepre sarda

Titolo: Lepre sarda
Autore: Pisanu Antonio
Editore: Ente Foreste della Sardegna
Data di pubblicazione: 2006
Tipologia: documentari
Argomento: Flora e fauna
Descrizione: la lepre sarda si può incontrare su gran parte del territorio isolano. Le sue dimensioni (lunghezza del corpo 39-51 cm, peso kg. 1,5-2,5) sono di poco superiori a quelle del coniglio, da cui si differenzia per le orecchie e le zampe posteriori più lunghe e per la colorazione del mantello. La testa è più allungata rispetto a quella del coniglio, gli occhi sono grandi e sporgenti, con la pupilla rotonda. Le estremità delle orecchie hanno una fascia di colore bruno scuro. Il mantello è di colore variabile a seconda delle zone, tendente per lo più al marrone-giallastro, più o meno fulvo, con una forte mescolanza di sfumature nere. Il suo habitat preferenziale è la macchia mediterranea non molto fitta e con radure. La si riscontra anche nei pascoli e nelle zone aperte di campagna, nonché in prossimità di ambienti salmastri e lagune. Può essere considerata un erbivoro generalista e "frugale": si nutre di germogli, radici, tuberi, cortecce, frutti, etc. Predilige, comunque, vegetali freschi e succosi. La sua attività è prevalentemente crepuscolare e notturna; durante il giorno trova riparo in piccoli avallamenti che scava nel terreno tra l'erba alta, in prossimità di qualche roccia o cespuglio. Di abitudini solitarie e molto elusiva, si sposta a balzi e quando fugge è capace di raggiungere velocità elevate.