Vai al contenuto della pagina

home

Logo Regione Sardegna

Barbaricinorum libelli

Barbaricinorum libelli 368
Titolo: Barbaricinorum libelli
Autore: Arca Giovanni
A cura di: Laneri Maria Teresa
Introduzione/Prefazione: Turtas Raimondo
Editore: Centro di Studi Filologici Sardi, CUEC
Data di pubblicazione: 2005
Luogo di pubblicazione: Cagliari
Tipologia: monografie - saggi
Argomento: Storia e tradizioni
Lingua: italiano, latino
Descrizione: Per quanto è dato sapere, i "Barbaricinorum libelli" sono l'unico testo dell'ex Gesuita la cui concezione è del tutto 'originale'. La narrazione è intessuta su un fitto reticolo di fonti che l'autore non esita a piegare pur di raggiungere il proprio obbiettivo: creare una vera e propria epopea dei Barbaricini, l'antico, nobile ed eroico popolo che - come aveva predetto un noto oracolo - nessuna potenza terrena riuscì mai a soggiogare; e infatti fu solo grazie all'intervento divino, rappresentato dall'angelo che in battaglia accompagnava Efisio, che i Barbaricini volsero le spalle al nemico. Ma a fronte di questa entusiastica esaltazione dell'invincibilità dei Barbaricini (un mito tenace che non sappiamo se e come possa essere stato alimentato dalla ricostruzione 'storica' di Arca), è difficile dire se il Bittese apprezzasse di più la loro conversione al Cristianesimo, con la conseguente pacificazione, o non ne rimpiangesse piuttosto l'indomita fierezza e bellicosità pagane.