Vai al contenuto della pagina

home

Logo Regione Sardegna

Artigianato sardo

Artigianato sardo 368
Titolo: Artigianato sardo
Autore: Mossa Vico
Introduzione/Prefazione: Mossa Vico
Materiali fotografici: Cintura Fausto, Pirozzi Giulio Romano
Editore: Carlo Delfino editore
Data di pubblicazione: 1983
Luogo di pubblicazione: Sassari
Abstract: L'artigianato in Sardegna era occupazione di tutti, un'autentica passione, non sempre dettata da necessità. Non si spiegherebbe altrimenti il notevole apporto della donna che certamente non tesseva a scopo di lucro. Si pensi alla sua intelligente operosità: alla cestineria, alle trifle e alle tele ricamate, alla cura amorevole del cortile–giardino, articolato con ordine e gusto tutto artigianesco, alla confezione del pane e dei dolci fatta con religiosità, adoperando stampi mirabilmente intagliari e una raffinata coltelleria, si pensi alla fantasiosa modellazione della palma che dovrà per un anno decorare la spalliera del letto, accanto al crocifisso severo, e ravvolta di nodosi rosari. Ma il capolavoro della donna sarda è costituito da tappeto: esso è la più bella decorazione della casa, ed è singolare il fatto che i motivi prevalentemente geometrici si riscontrino nei paesi di montagna, dove la casa è d’una geometria meno rigorosa, mentre quelli di colore smagliante, di minuto e prezioso disegno, sono nati entro i grigii murati delle pianure meridionali, là dove le case sono di composizione più larga e cadenzata. (dalla prefazione di Vico Mossa)
Note: Curzio Italo, Roma (grafica e impaginazione)