Vai al contenuto della pagina

home

Logo Regione Sardegna

Carte de la Baye de l'Oristan

Titolo: Carte de la Baye de l'Oristan
Autore dell'opera: Bellin Jacques Nicolas
Luogo di pubblicazione: Parigi
Progetto di digitalizzazione: SICPAC wp3.9 - Digitalizzazione di risorse documentali di pregio
Agenzia di digitalizzazione: Atlantis, Enterprise Digital Architects, Space, Unicity
Argomento: Cartografia
Proprietario della risorsa: Consiglio Regionale della Sardegna
Locazione della risorsa: Cagliari
Descrizione: Sud in alto; dimensioni h x b foglio mm 328 x 237 R, incisione mm 321 x 183, disegno mm 205 x 170; Echelle de deux lieues communes. La carta è tratta, come la precedente, dal Petit Atlas François dell'ingegnere idrografo della Marina Jacques Nicolas Bellin, pubblicato nel 1763. La carta, orientata a Sud, non è graduata ai margini e presenta una scala grafica contenuta, insieme al titolo, in un cartiglio di forma ovale decorato con motivi vegetali e vivacemente colorato. Sul lato destro del disegno, all'incirca a metà altezza, è inserita una rosa dei venti a 8 direzioni, priva dei caratteristici rombi e costituita dalle sole linee direzionali, tracciate con un tratto più grosso per i 4 venti principali. Il Nord è segnalato, oltre che da un giglio colorato di rosso sulla rosa dei venti, anche dalla relativa scritta. Nonostante si tratti di una carta nautica, sono comunque riportati anche i contenuti dell'interno: l'orografia è rappresentata con mucchi di talpa ombreggiati e colorati in marron e verde, i fiumi sono disegnati da una doppia linea colorata in azzurro come gli stagni. Puntini segnalano la presenza di banchi di sabbia. La vegetazione è indicata con alberelli, ciuffi d'erba e campi coltivati. Sono anche disegnate delle casette e piccole torri lungo la costa
Note: Le carte sono state esposte nella mostra organizzata e allestita nel 1994 dal Consiglio Regionale ed edite nel catalogo "Imago Sardiniæ : cartografia storica di un'isola mediterranea", Cagliari, Consiglio regionale della Sardegna, 1999. Le schede sono tratte da: La collezione del Consiglio regionale: catalogo, di Sebastiana Nocco.