Vai al contenuto della pagina

home

Logo Regione Sardegna

Isle de Sardaigne

Titolo: Isle de Sardaigne
Autore dell'opera: Kremer Gerard
Alias: Mercator Gerardus
Luogo di pubblicazione: Amsterdam
Progetto di digitalizzazione: SICPAC wp3.9 - Digitalizzazione di risorse documentali di pregio
Agenzia di digitalizzazione: Atlantis, Enterprise Digital Architects, Space, Unicity
Argomento: Cartografia
Proprietario della risorsa: Consiglio Regionale della Sardegna
Locazione della risorsa: Cagliari
Didascalia: Sardinia insula
Descrizione: Est in alto; dimensioni h x b foglio mm 510 x 306, incisione mm 182 x 244, disegno mm 179 x 240.
Nella carta non è indicato il nome dell'au­tore, ma essa è facilmente attribuibile al Mercatore; si tratta infatti di una riduzione del disegno della Sardegna inserito dapprima in Italiae, Sclavonie et Greciae tabulae geographicae, e poi passato senza subire variazioni nell' Atlas.
Questa versione ridotta venne inserita da Willelm e Joan Blaeu nel loro Theatrum Orbis Terrarum sive Atlas Novus, pubblicato in numerose edizioni e in diverse lingue.
Siamo qui di fronte ad una edizione il lingua francese, come dimostra il testo della descrizione che accompagna la carta. L'immagine della Sardegna è infatti conte­nuta nel recto della prima pagina di un foglio doppio recante il numero IIO, e seguita da una seconda pagina col numero III; il verso dei due fogli non è invece numerato.
Il disegno occupa tutta la parte superiore della pagina, intitolata Isle de Sardaigne che riporta nella parte inferiore e nelle pagine successive una serie di notizie sull'isola scritte in francese. La carta è identica a quella usata per l'altra edizione francese e per quel­la tedesca precedentemente descritte.
Note: Le carte sono state esposte nella mostra organizzata e allestita nel 1994 dal Consiglio Regionale ed edite nel catalogo "Imago Sardiniæ : cartografia storica di un'isola mediterranea", Cagliari, Consiglio regionale della Sardegna, 1999. Le schede sono tratte da: La collezione del Consiglio regionale: catalogo, di Sebastiana Nocco.