Vai al contenuto della pagina

home

Logo Regione Sardegna

Passaggi di Tempo : n. 4

Editore: RAI Sardegna
Data di registrazione: 2009/11/22
Data di trasmissione: 2009/11/22
Emittente: Radio RAI Sardegna
Programma: Passaggi di Tempo
Raccolta: Archivio Rai
Descrizione: "Passaggi di tempo è nel 1963. Il popolare settimanale Tv7 fa tappa nel Sulcis operaio, con lo speciale 'Cristo tra i minatori'. Protagonista è Gerardo Fabert, giovane novizio francese dei Piccoli Fratelli del Vangelo. Prima di essere ordinato sacerdote, Gerardo lavora in miniera, fianco a fianco con gli operai che vivono nella piccola comunità mineraria di Bindua, nell'Iglesiente. Quarant'anni dopo, fratel Gerardo sceglie di ritornare nel Sulcis. Ha vissuto, nel frattempo, tre lunghi decenni nel sertao brasiliano. Il prete operaio spiega il perché del suo ritorno, e racconta in cosa è cambiata (e in cosa è restata uguale) la comunità di minatori che aveva lasciato negli anni Sessanta. Il '63 è anche l'anno di "Sardegna, itinerari nel tempo", il documentario firmato per la Rai dallo scrittore Giuseppe Dessì, un intellettuale che non ha paura di 'sporcarsi le mani' con numeri e cifre del sogno di rinascita economica dell'isola. Per questo il suo viaggio fa tappa nel rampante polo chimico di Porto Torres degli anni di Rovelli. Nel 2009, il sindacalista della Cgil Piero Cossu spiega l'evoluzione nel tempo di questo settore delicato e strategico dell'industria sarda, e le prospettive - e i rischi - per il futuro. Altra fermata dell'itinerario di Dessì è il grande cantiere per la costruzione della Carlo Felice, l'arteria superveloce che avrebbe dovuto collegare Cagliari e Sassari in meno di due ore. Quarantacinque anni dopo, PDT ha raccolto la testimonianza di tre "forzati" della 131: Antonella Marogna, Andrea Dettori e Giuseppe Meloni, sassaresi che lavorano a Cagliari. Nel 1963, Alghero è la città pioniera del turismo sardo: un contingente di pittori si cimenta nella realizzazione di un'opera ispirata alla riviera del Corallo. Nel 2009, la cittàdina catalana si conferma avanguardia nell'industria dell'ospitalità: diventa il set per un grande reality show che trasmetterà nelle tv cinesi il primo grande matrimonio collettivo con coppie 'made in China'. La rubrica del Controgiornale si ferma a pranzo nell' 'Osteria della rapina alla sarda', satira datata 1967 sulla rimozione dell'identità dalle cucine dei ristoranti isolani. Nel 2009, PDT raccoglie l'opinione dell'archeogastronomo Giovanni Fancello".