Vai al contenuto della pagina

home

Logo Regione Sardegna

Montarbu e Perda 'e Liana visti dal Gennargentu

Montarbu e Perda 'e Liana dal Gennargentu [480x320]
Titolo: Montarbu e Perda 'e Liana visti dal Gennargentu
Autore: Secci Dionigi
A cura di: Porrà Alessandro
Comune: Arzana
Argomento: Ambiente e territorio
Data di realizzazione: 2013
Proprietario della risorsa: Ente Foreste della Sardegna, Regione Autonoma della Sardegna
Condizioni di utilizzo: Alcuni diritti riservati, Alcuni diritti riservati
Licenza: Creative Commons: Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia (CC A-NC-SA 3.0)
Didascalia: Dal massiccio del Gennargentu, vista su Montarbu e Perda 'e Liana con la neve, Montarbu e Perda 'e Liana dal Gennargentu
Descrizione: La foresta demaniale di Montarbu e un'importante meta turistica attrezzata con accoglienti infrastrutture ricettive e comodi sentieri che la percorrono in tutta la sua estensione; all'interno del complesso è presente anche un piccolo museo floro-faunistico dove sono esposti reperti naturalistici e storico-archeologici provenienti dal comprensorio della foresta. Tra le specie animali da segnalare ricordiamo il muflone, facilmente osservabile e non di rado possibile da incontrare mentre pascola in numerosi branchi, l'aquila reale e il gatto selvatico. E poi l'aquila del Bonelli, il falco pellegrino, la poiana, lo sparviero, l'astore, il nibbio, il grifone, l'avvoltoio monaco e degli agnelli ed il ghiro. All’interno del suo perimetro, la foresta ospita aree di interesse naturalistico ed archeologico di straordinaria importanza come l’imponente falesia calcarea del Tonneri, culminante con la maestosa cima del Margiani Pubusa che con i suoi 1324 metri è la massima altitudine del territorio, l’area archeologia di S'Orgioloniga dove si trovano i resti di una fonte sacra e di un insediamento nuragico e da dove è possibile ammirare uno splendido panorama, ed il nuraghe di Analù. Il Monumento Naturale Perda 'e Liana si trova nel territorio del comune di Gairo, è alto 1.293 mt. e per la sua posizione geografica costituisce un riferimento geografico importante ed un simbolo dell'isola della Sardegna, essendo visibile da grandi distanze e dominante il paesaggio del massiccio del Gennargentu.