Vai al contenuto della pagina

home

Logo Regione Sardegna

Cervo sardo in Bramito

Cervo sardo in Bramito [480x320]
Titolo: Cervo sardo in Bramito
Autore: Ruiu Domenico
Autore dell'opera: Ambiente e territorio, Flora e Fauna
Comune: Domus de Maria, Pula, Villa San Pietro
Argomento: Flora e fauna
Didascalia: Immagine tratta da pag. 5 del libro "Sardegna Foreste": un volume, edito e realizzato dall'Ente Foreste nel 2006 con il prezioso contributo fotografico dei professionisti Renato Brotzu e Domenico Ruiu. Il volume illustra le principali foreste gestite per la Regione Sardegna dal suo Ente strumentale; insieme alle immagini dei boschi, le specie animali e vegetali che vi abitano. Disponibile in formato digitale sul sito www.sardegnaforeste.it (sezione Documenti-Libri). L’Ente Foreste della Sardegna gestisce un patrimonio ambientale d’ineguagliabile valore economico e naturale. In un panorama forestale spesso desolante, minacciato di continuo da un irrazionale utilizzo del territorio e dalla piaga costante degli incendi, appare evidente il fatto che le principali superfici forestali di rilevanti dimensioni ricadano all’interno dei compendi gestiti dall’Ente. Si tratta di aree in cui è racchiuso il più alto indice di biodiversità, sia di ecosistemi che di specie, dove trovano le condizioni di vita ideali centinaia di organismi vegetali ed animali, spesso esclusivi della nostra isola. In questo volume fotografico, inserito all’interno di una più ampia campagna di comunicazione ed informazione, vengono presentati 15 ambiti preferenziali in cui l’Ente Foreste sta intervenendo con politiche di qualità orientate alla gestione sostenibile del territorio ed alla tutela delle risorse naturali. Questi bellissimi ambienti caratterizzati da paesaggi spettacolari e grandi spazi incontaminati andranno a costituire un sistema regionale di fruizione integrato con le risorse dei territori circostanti, dando vita a dei modelli di riferimento incentrati sulle potenzialità dei sistemi rurali locali.
Descrizione: Cervo Sardo in bramito nella Foresta Demaniale di Is Cannoneris, nel sud della Sardegna. Il cervo sardo si distingue dalla specie nominale europea per alcuni caratteri morfologici come adattamento alle condizioni di insularità. Le dimensioni del corpo sono inferiori rispetto a quelle del cervo europeo. Il maschio raramente raggiunge un peso di 130 kg con un’altezza al garrese di 100 cm mentre la femmina non supera i 70-80 kg di peso e gli 80 cm di altezza. Il corpo è snello ed elegante con tronco allungato, spalla arrotondata e muscolosa, petto largo e groppa dritta. Il collo è lungo e sottile, la testa è di forma triangolare allungata e termina con un muso nudo. Le orecchie sono molto grandi, gli occhi sono ovali, grandi ed espressivi. La sottospecie è endemica della Sardegna e della Corsica. Attualmente, in Sardegna, l’areale naturale di distribuzione è situato nell’Arburese, nel Sarrabus e nel Sulcis. Di recente insediamento (2003) nella Provincia di Sassari, è la popolazione libera presente nel Monte Lerno (Pattada).