Vai al contenuto della pagina

home

Logo Regione Sardegna

Cagliari, piccioccus de crobi

Titolo: Cagliari, piccioccus de crobi
Autore: Wagner Max Leopold
A cura di: Ilisso Edizioni S.r.l.
Editore: Ilisso Edizioni S.r.l.
Agenzia di digitalizzazione: Ilisso Edizioni S.r.l.
Raccolta: Fondo Wagner, Ilisso
Comune: Cagliari
Argomento: Storia e tradizioni
Data di realizzazione: 1905 - 1906 ante
Proprietario della risorsa: Ilisso Edizioni S.r.l.
Locazione della risorsa: Archivio Ilisso - via Guerrazzi, 6 - 08100 Nuoro
Didascalia: Cagliari, piccioccus de crobi
Descrizione: La foto ritrae un gruppo di ragazzi di strada. Si chiamavano tra loro chicchineddus ed erano soliti usare nomi di copertura. Sono figure caratteristiche della vita cittadina a cavallo tra il XIX e il XX secolo. Il piccioccu de crobi (ragazzo della cesta) era una specie di servitore di piazza che per pochi soldi trasportava nella sua cesta le merci di chi acquistava ai mercati. Appartenevano agli strati più umili della società e il periodo nel quale lavoravano era tra i dieci e i diciotto anni di vita. La crobi (cesta) era il segno del loro mestiere. Sono espressione di un mondo povero e spesso equivoco. Non avevano una dimora stabile e spesso stazionavano sotto i portici della Via Roma vicino al palazzo Vivanet, nella zona intorno ai vecchi mercati del Largo Carlo Felice, o sulle banchine del porto e la stazione ferroviaria.
Note: Manoscritto a matita sul retro della stampa: Gruppe von Markjungen (Piccioccus de crobi) mit ihren Körben. Foto probabilmente scattata nei giardini pubblici della stazione di Cagliari.