Vai al contenuto della pagina

home

Logo Regione Sardegna

Nuoro, la vecchia chiesa di Nostra Signora delle Grazie

Titolo: Nuoro, la vecchia chiesa di Nostra Signora delle Grazie
Autore: Ballero Antonio
A cura di: Ilisso Edizioni S.r.l.
Editore: Ilisso Edizioni S.r.l.
Luogo di pubblicazione: Nuoro
Agenzia di digitalizzazione: Ilisso Edizioni S.r.l.
Raccolta: Fondo Ballero, Ilisso
Tratta da: M. Fois, S. Novellu, "Antonio Ballero. Lo sguardo fotografico del pittore", Nuoro, Ilisso, 2007
Comune: Nuoro
Località: Le Grazie
Argomento: Storia e tradizioni
Data di realizzazione: 1915 post
Proprietario della risorsa: Ilisso Edizioni S.r.l.
Locazione della risorsa: Archivio Ilisso - via Guerrazzi, 6 - 08100 Nuoro
Didascalia: Nuoro, la vecchia chiesa di Nostra Signora delle Grazie
Descrizione: Nuoro, la vecchia chiesa di Nostra Signora delle Grazie: in primo piano due bambini. La foto mostra la chiesa più antica di Nuoro, la seicentesca Chiesa di Nostra Signora delle Grazie, situata al centro del quartiere storico di Seuna. Realizzato in uno stile eclettico, tipico dell'Isola, l’edificio ha una foggia semplice, lineare, quasi rustica. La facciata presenta un portale centrale, sormontato da un timpano triangolare che si regge su due semicolonne. Al di sopra di esso, come unico elemento decorativo del prospetto, troviamo un rosone di foggia gotica, in trachite rossa, che secondo la tradizione proviene dalla prima Chiesa nuorese, ovvero San Giuliano Martire. In primo piano due bambini sulla via acciottolata su cui si affacciano bassi edifici con una cornice imbiancata intorno alle finestre e i muretti a secco che chiudono i cortili, elementi caratteristici dell’architettura nuorese.
Note: «Nuoro, insomma, sarebbe nata da Seuna: ed io sono disposto a crederci perché a Seuna c’è la più vecchia chiesa di Nuoro, le Grazie, che non è poi che una di quelle stesse casette, sormontata da un frontone, con una campanella nel comignolo. Lo stesso prete che la officia è un contadino, e vive delle quattro rape che coltiva nell’orto, e di qualche elemosina (figuriamoci!), poichè non ha cura d’anime», S. Satta, "Il giorno del giudizio" [1977: pubblicazione postuma], Nuoro, Ilisso, 1999, p. 38.