Vai al contenuto della pagina

home

Logo Regione Sardegna

Isle et Royaume de Sardaigne

Titolo: Isle et Royaume de Sardaigne
Autore dell'opera: Nolin Jean Baptiste, Geographe ordinaire du Roy
Luogo di pubblicazione: Parigi
Progetto di digitalizzazione: SICPAC wp3.9 - Digitalizzazione di risorse documentali di pregio
Agenzia di digitalizzazione: Atlantis, Enterprise Digital Architects, Space, Unicity
Argomento: Cartografia
Proprietario della risorsa: Consiglio Regionale della Sardegna
Locazione della risorsa: Cagliari
Didascalia: Isle / et / Royaume / de / Sardaigne/ dressée sur les Memoires les plus / nouveaux par LB. Nolin /A Paris / chez la VLB. Nolin Géographe / ordinaire du Roy sur le Quay de l'Horloge à l'Enseigne / de la place des Victoires /
Descrizione: Nord in alto; dimensioni h x b foglio mm 442 R x 310 R, incisione mm 421 x 308, disegno mm 412 x 281; Echelles Milles d'Italie; Grandes lieues de France. Jean Baptiste Nolin (1657-1708), incisore del re e geografo del duca d'Orléans, aveva il suo laboratorio a Parigi nella rue St. Jacques, dove realizzò numerose carte. La carta della Sardegna, incisa da Ienvilliers, era inserita in Le Théâtre du monde, pubblicato a partire dal 1700 e continuamente riedito con aggiunte e modifiche. P. graduata ai margini e presenta due scale grafiche. La semiologia della carta è ancora quella tradizionale, con le montagne simboleggiate da piccoli mucchi di talpa colorati in marrone, i fiumi a tratto forte, le coste tratteggiate e bordate in azzurro. Una serie di puntini delimita due vaste zone identificate come Capo Lugodori e Capo Cagliari. Questa stessa carta era stata inclusa anche in Nouvelle ediction du Théâtre de la guerre en Italie, contenent les cartes particulieurs de tous les états d'Italie et plusieurs provinces des dits états ... dello stesso Nolin.
Note: Le carte sono state esposte nella mostra organizzata e allestita nel 1994 dal Consiglio Regionale ed edite nel catalogo "Imago Sardiniæ : cartografia storica di un'isola mediterranea", Cagliari, Consiglio regionale della Sardegna, 1999. Le schede sono tratte da: La collezione del Consiglio regionale: catalogo, di Sebastiana Nocco.