Vai al contenuto della pagina

home

Logo Regione Sardegna

Italiae novissima descriptio

Titolo: Italiae novissima descriptio
Autore dell'opera: Gastaldi Giacomo
Luogo di pubblicazione: Anversa
Progetto di digitalizzazione: SICPAC wp3.9 - Digitalizzazione di risorse documentali di pregio
Agenzia di digitalizzazione: Atlantis, Enterprise Digital Architects, Space, Unicity
Argomento: Cartografia
Proprietario della risorsa: Consiglio Regionale della Sardegna
Locazione della risorsa: Cagliari
Didascalia: Italiae novissima / descriptio auctore / Iacobo Castaldo / Pedemontano
Descrizione: Nord in alto; dimensioni h x b foglio mm 457 x 575, incisione mm 357 x 503, disegno mm 354 x 501; [Scala di] 100 [miglia?]. Abramo Ortelio inserì la carta di Giacomo Gastaldi nel suo Theatrum Orbis Terrarum, pubblicato per la prima volta presso l'editore Plantin nel 1570. L'Italia è ampiamente rappresentata nel Theatrum fin dalla prima edizione con una carta generale e 9 carte particolari. La carta generale è il rifacimento de Il disegno della geografia moderna de tutta la provincia de la Italia, pubblicata dal Gastaldi nel 1561. Essa è ricca di informazioni corografiche (sull'orografia, idrografia, centri abitati), sebbene nella forma e nella semiologia assai rudimentale mostri ancora l'influsso del disegno tolemaico. L'Ortelio vi inserì gli elementi decorativi, così come andava facendo per le altre carte; anch'essi però non sono originali, ma ricavati dalle raccolte di ornamentazioni e cartouches a stampa di Hans Vredeman (da cui sono tratti il cartiglio del titolo e la sfinge seduta sulla scala grafica di questa carta), di Jacop Floris e di Benedetto Battini, tutte pubblicate ad Anversa tra il 1550 ed il 1560 circa
Note: Le carte sono state esposte nella mostra organizzata e allestita nel 1994 dal Consiglio Regionale ed edite nel catalogo "Imago Sardiniæ : cartografia storica di un'isola mediterranea", Cagliari, Consiglio regionale della Sardegna, 1999. Le schede sono tratte da: La collezione del Consiglio regionale: catalogo, di Sebastiana Nocco.