Vai al contenuto della pagina

home

Logo Regione Sardegna

Tabula Moderna Siciliae Sardiniae

Titolo: Tabula Moderna Siciliae Sardiniae
Autore dell'opera: Waldseemüller Martin
Luogo di pubblicazione: Strasburgo
Progetto di digitalizzazione: SICPAC wp3.9 - Digitalizzazione di risorse documentali di pregio
Agenzia di digitalizzazione: Atlantis, Enterprise Digital Architects, Space, Unicity
Argomento: Cartografia
Proprietario della risorsa: Consiglio Regionale della Sardegna
Locazione della risorsa: Cagliari
Didascalia: Tabu[la] moder[na] Sicili[ae] Sardi[niae]
Descrizione: Nord in alto; dimensioni h x b foglio mm 317 x 403, incisione non individuabile, disegno mm 275 x 403; Scala Miliar. Italie. La carta è tratta dall'edizione di Strasburgo del 1522, la stessa della precedente carta, della quale quest'ultima costituisce il rifacimento moderno, la "tabula nova" appunto. Le due carte presentano infatti lo stesso tipo di colorazione e i rispettivi titoli all'interno di un nastro svolazzante situato esterna­mente alla cornice. A differenza della corrispondente tabula antiqua, nella carta moderna i contorni costieri risultano meglio definiti, anche se compaiono ancora i tipici golfi a cipolla. Non sono invece rappresentate l'orografia e l'idrografia, ad eccezione dell'Etna, identificato dalle caratteristiche fiamme. La Sardegna appare povera di toponimi, peraltro situati solo lungo le coste; la Sicilia ne presenta invece un numero leggermente maggiore. Questa edizione conteneva 23 carte moderne, 10 delle quali dedicate alla vecchia Europa, ma anche una Tabula Terre Nova con il nuovo mondo e il vecchio, e il mappamondo Orbis Typus Universalis. In questa edizione compare per la prima volta in un Tolomeo a stampa il toponimo America.
Note: Le carte sono state esposte nella mostra organizzata e allestita nel 1994 dal Consiglio Regionale ed edite nel catalogo "Imago Sardiniæ : cartografia storica di un'isola mediterranea", Cagliari, Consiglio regionale della Sardegna, 1999. Le schede sono tratte da: La collezione del Consiglio regionale: catalogo, di Sebastiana Nocco.