Vai al contenuto della pagina

home

Logo Regione Sardegna

Totius Italiae Descriptio

Titolo: Totius Italiae Descriptio
Autore dell'opera: de Wit Frederick
Luogo di pubblicazione: Amsterdam
Progetto di digitalizzazione: SICPAC wp3.9 - Digitalizzazione di risorse documentali di pregio
Agenzia di digitalizzazione: Atlantis, Enterprise Digital Architects, Space, Unicity
Argomento: Cartografia
Proprietario della risorsa: Consiglio Regionale della Sardegna
Locazione della risorsa: Cagliari
Didascalia: Novissima et Accuratissima / totius / Italiae / Corsicae et Sardiniae / Descriptio Correcta multis / aucta et in Lucem edita / Per F de Witt Amstelodami / Cum Priv. DD. Ord. Hollandiae / West Frisiaeq.
Descrizione: Nord in alto; dimensioni h x b foglio mm 515 R x 622, incisione mm 493 R x 572, disegno mm 488 x 568; Milliaria Germanica communia 15 uni gradui; Gemeene Duÿtsche Mÿlen van 15 in een graet; Milliaria Gallica sive Horae Itineris; Groote 20 Fransche Mÿlen oste Uren Gaans; Mill: Magna italica sive Anglica 60 uni gradui; 60 Italiaensche ost Engelsche Mÿlen van 60 in een graet.
La famiglia de Wit ha rivestito un ruolo importantissimo nella storia della cartografia olandese poiché per tre generazioni si è occupata della stampa, dell'incisione in rame e dell'edizione di numerose carte e atlanti geografici, spesso desunti da altri cartografi, ma senza che questo sminuisca il loro merito, in quanto si trattava di una consuetudine all'epoca assai diffusa. L'omonimia di padre, figlio e nipote, che firmavano sempre "Frederik de Wit" e le scarse notizie biografiche su di loro talvolta impedisce di attribuire con esattezza le carte all'uno o all'altro, omonimia aggravata dal fatto che sulle opere manca spesso l'anno di edizione. Il più anziano della famiglia, nato nel 1616 e morto nel 1698, fondò lo stabilimento cartografico nel 1648 ad Amsterdam, città dove il figlio ottenne la cittadinanza nel 1661, a 31 anni. Quest'ultimo è presumibilmente l'autore di questa carta dell'Italia che presenta la semiologia tradizionale, con i monti a mucchi di talpa, i fiumi a tratto marcato, le città con vedutine prospettiche, i confini con diversi simboli. Essa è assai simile alla carta seguente.
Note: Le carte sono state esposte nella mostra organizzata e allestita nel 1994 dal Consiglio Regionale ed edite nel catalogo "Imago Sardiniæ : cartografia storica di un'isola mediterranea", Cagliari, Consiglio regionale della Sardegna, 1999. Le schede sono tratte da: La collezione del Consiglio regionale: catalogo, di Sebastiana Nocco.