Vai al contenuto della pagina

home

Logo Regione Sardegna

Sardinia et Sicilia

Titolo: Sardinia et Sicilia
Autore dell'opera: Magini Giovanni Antonio
Luogo di pubblicazione: Padova
Progetto di digitalizzazione: SICPAC wp3.9 - Digitalizzazione di risorse documentali di pregio
Agenzia di digitalizzazione: Atlantis, Enterprise Digital Architects, Space, Unicity
Argomento: Cartografia
Proprietario della risorsa: Consiglio Regionale della Sardegna
Locazione della risorsa: Cagliari
Didascalia: Sardinia et Sicilia
Descrizione: Nord in alto; dimensioni h x b foglio mm 341 x 219, incisione mm 138 x 180, disegno mm 126 x 174.
La carta si trova alla pagina 474 del secondo tomo dell'opera di Lasor a Varea (o Varela), pseudonimo di Raffaello Savonarola, Universus Terrarum Orbis pubblicato a Padova nel 1713, una sorta di enciclopedia che conteneva notizie sulle varie località del mondo disposte in ordine alfabetico.
Le pagine 473 e 474 contengono infatti la descrizione in lingua latina delle località i cui nomi iniziano con *SA*.
Alla pagina 474 inizia il testo relativo alla Sardegna che, oltre alla descrizione dell'isola, fa riferimento alle opere da cui sono tratte le notizie, tra cui ricordiamo l'Alberti, un "volumen De Sardiniae Insulae Sanctis" di Jo. Arca e altri.
L'immagine della Sardegna inserita nella pagina 474 è la stessa della tavola moderna di Sardegna e Sicilia contenuta nella Geographiae Universae tum veteris, tum novae absolutissimum opus, duobus voluminibus distinctum di Giovanni Antonio Magini, edita a Venezia nel 1596 (con tavole incise da Gerolamo Porro) e ristampata l'anno successivo a Colonia.
L'opera conteneva anche una pianta di Cagliari, inserita nel tomo I alla pagina 216.
Note: Le carte sono state esposte nella mostra organizzata e allestita nel 1994 dal Consiglio Regionale ed edite nel catalogo "Imago Sardiniæ : cartografia storica di un'isola mediterranea", Cagliari, Consiglio regionale della Sardegna, 1999. Le schede sono tratte da: La collezione del Consiglio regionale: catalogo, di Sebastiana Nocco.