Vai al contenuto della pagina

home

Logo Regione Sardegna

L'ultimo covone

Titolo: L'ultimo covone
Regia: Tatti Piero
Collaborazione tecnica: Pirodda Roberto
Montaggio: M3Tfilm TomasTatti
Musiche: Sanna Andrea
Responsabile del suono: Tatti Tomas
Traduzione: Soro Elisabetta
Voce: De Domenico Marco
Produzione: M3Tfilm TomasTatti
Data di pubblicazione: 2018
E' composta da: S’urtima manna
Comune: Villanovaforru
Argomento: Storia e tradizioni
Lingua: italiano
Sottotitoli: inglese
Soggetto: la mietitura
Diritti: © Tatti Piero
Condizioni di utilizzo: Tutti i diritti riservati
Licenza: Copyright (tutti i diritti riservati)
Descrizione: Primos de sa sigunda midade de su Noighentos. Biddanoa de Forru. Una bidda pitica de sa Sardigna. In sos montrigos durches de sa Marmidda, unu carru a boes avantzat a passu lenu in sos campos messados. Sètzidu subra sas mannas de trigu, in pitzu, su pipiu si godit s’ispetàculu. Sighende sos ammentos e cun una cinepresa S8, a pustis de bint’annos (1981), oramai fatu a mannu, s’autore/regista, documentat cussu mundu antigu. S’istentat in sa treuladura de su laore in s’argiola. Sas màgines in pellìcula, isarbolidas dae su tempus, torrant a sa memòria e cunsagrant su traballu fitianu de babbos nostros, s’amore issoro pro sa terra.

Inizi della seconda metà del Novecento. Villanovaforru. Un piccolo paese della Sardegna. Tra le dolci colline della Marmilla, un carro a buoi avanza lentamente tra i campi mietuti. Seduto sui covoni di grano, a prua del carro, il bambino si gode lo “spettacolo”. Sul filo della memoria e con una cinepresa S8, vent’anni dopo (1981), il regista, documenta quel piccolo mondo antico. Si sofferma sulla trebbiatura dei cereali nell'aia .Le immagini in pellicola, sbiadite dal tempo, rievocano e consacrano le fatiche quotidiane dei padri e il loro amore per la terra.

At the beginning of the second half of the twentieth century. Villanovaforru. A small town in Sardinia. Among the rolling hills of the Marmilla, an ox cart loaded with sheaves of wheat moves forward slowly among the harvested fields. From the top of the cart an eight-year-old child is enthusiastic and enjoys the "show". On the edge of memory and with an S8 camera, twenty years later (1981), now an adult, the director documents that little ancient world. He focuses on the threshing of cereals in the farmyard. The film images, faded by time, recall and consecrate the daily labors of our fathers, their love for the earth.