Vai al contenuto della pagina

home

Logo Regione Sardegna

Santa Gilla: un mondo d'acqua

Titolo: Santa Gilla: un mondo d'acqua
Regia: Moccia Giosi
Realizzazione: Costa Guido, Moccia Giosi
Montaggio: Fadda Gianni
Fotografia: Costa Guido
Testi: Giosi Moccia
Voce: Ferrari Bianca Maria
Descrizione: è il primo filmato realizzato da Giosi Moccia e Guido Costa, entrambi giornalisti dell’Ufficio stampa della Regione, col quale si documenta un ambizioso progetto dell’Assessorato della difesa Dell’ambiente di risanamento delle acque della laguna cagliaritana colpite da un preoccupante stato di degrado e inquinamento industriale.
Oltre al recupero della risorsa economica, importantissima per la pesca e la produzione del sale, l'iniziativa regionale intendeva restituire alla città di Cagliari un immenso patrimonio naturalistico, storico e archeologico. I resti dell'antico porto Scipione e della città di Santa Igia, ancora oggi completamente sepolta dalle macerie e dall'incuria, sono probabilmente i primi insediamenti su cui si espanderà Cagliari.
Per quanto riguarda gli aspetti ambientali Santa Gilla con Molentargius alla fine degli anni settanta sono stati inseriti con la Convenzione di Ramsar tra i siti di particolare pregio per la presenza di specie rare di avifauna protetta.
La laguna ha inoltre rappresentato per la città un bacino di pesca ricchissimo gli stessi pescatori di santa Gilla sono stati coinvolti nel progetto di risanamento ed hanno collaborato al recupero dell'area.
Il documentario è stato realizzato su pellicola 16 mm e montato manualmente su moviola dal tecnico RAI Gianni Fadda. Un esempio di "archeologia cinematografica" che nulla toglie alla efficacia delle immagini.
Il film è stato proiettato all'Hotel Panorama di Cagliari nel corso di un dibattito sul futuro dello stagno cagliaritano presieduto dall'Assessore della difesa dell'ambiente Mario Melis e diffuso nelle scuole.